Home Il servitore di due padroni
PDF Stampa E-mail

Il servitore di due padroni

 

 

 

Al centro della commedia troviamo Arlecchino, servo di due padroni, che, per non svelare il suo inganno e per perseguire il suo unico intento, ovvero mangiare a sazietà, intreccia la storia all'inverosimile, creando solo equivoci e guai.

La commedia si apre a Venezia in casa di Pantalone de' Bisognosi, anziano mercante che sta assistendo alla promessa di matrimonio tra sua figlia, Clarice, e Silvio, figlio del Dottore Lombardi. I due sono innamorati ed è una fortuna che possano promettersi, dato che Federigo Rasponi, agiato torinese a cui Clarice era destinata, è morto in una lite a causa della sorella di lui Beatrice.

… Nella scena irrompe Arlecchino, il giovane servo venuto per annunciare il suo padrone; si tratta proprio di Federigo Rasponi, venuto in Venezia per incontrare la sua futura sposa e per chiarire gli affari sulla dote della ragazza. In realtà, colui che si presenta in casa degli allibiti personaggi è Beatrice Rasponi, sorella del defunto in vesti da uomo, per poter andare in cerca di Florindo Aretusi, suo amante…

(Adattamento da Wikipedia)

 

Arlecchino 

 

Pantalone de' Bisognosi   -   Agostino Santolin

Clarice, sua figliuola   -   Chiara Favaretto

Il Dottor Lombardi   -   Roberto Ortolan

Silvio, di lui figliuolo   -   Andrea Guarnaccia

Beatrice torinese, in abito da uomo   -   Elena Sbrojavacca

Florindo Aretusi, torinese   -   Peter Zavan

Brighella, locandiere   -   Andrea Dotto

Smeraldina, cameriera di Clarice   -   Angela Paone

Arlecchino, servitore   -   Pierfrancesco Boschin

Una Cameriera della locanda   -   Dianella Lucato

La scena si rappresenta in Venezia

 

Regia:  Renzo Santolin

 

Realizzazioni Scenografiche:
Renzo Santolin e Valerio Milan

 

 


Download locandine


 

 

 

 

 

 
Copyright © 2018 Gruppo Teatro d'Arte Rinascita. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Gallerie foto